Classi strumentali

Classi strumentali

Circa l’educazione musicale la riconferma del finanziamento da parte dell’Otto per Mille della Chiesa Valdese ci incoraggia a seguire il modello Abreu che, attuato da circa 30 anni in Venezuela, ha introdotto il cambiamento nella società delle favelas pur assicurando agli allievi naturalmente dotati il proseguimento di studi specifici intensivi. Gli anni dal 2014 al 2017 sono gli anni che vedono alcuni musicisti italiani ripetere il volontariato nel campo di Burj al Shemali per più periodi, in particolare Matteo Cona a cui si deve il merito di aver trasmesso il metodo e l’organizzazione delle scuole di musica, nonché quello di aver accentuato il coinvolgimento degli insegnanti locali sulla base delle competenze musicali.

Le assistenti sociali di Assumoud sono le cerniere tra famiglia, studente e insegnante, curano l’aspetto psicologico e comportamentale degli allievi e intervengono nei momenti di criticità relazionali.

Si formano le classi di insegnamento per violino, violoncello, chitarra, sassofono, tromba, flauto, clarinetto, percussioni oltre a quella delle cornamuse che ha un percorso consolidato negli anni affidato a un leader scout. 

Alcuni ragazzi vengono iscritti al conservatorio di Saida. Si prosegue, così, verso gli obiettivi prefissati. Il gruppo di studenti si infoltisce sempre di più, il team insegnanti conta anche su allievi esperti che li affiancano nelle classi dei principianti e che si rivelano fondamentali per la tenuta dei gruppi nei momenti critici dovuti alla dipartita del maestro dei fiati e alla partenza di quello di chitarra.

Banner per il consenso ai cookie di Real Cookie Banner