Gaza. Fermate questo genocidio ORA!

foto Maria Teresa Giustiniani
foto Maria Teresa Giustiniani

Il titolo è l’appello del reverendo Dr. Munther Isaac del 23 dicembre 2023 durante l’omelia trasmessa in diretta streaming dalla Chiesa Evangelica Luterana di Betlemme, sottotitolato in italiano per la raccolta TikTok di Rifondazione. Nella nostra ricerca di parole – che forse non esistono ancora nel vocabolario italiano – per esprimere il nostro pensiero in merito alla reazione di Israele a cui stiamo assistendo, condividiamo in pieno le parole del reverendo. Ne pubblichiamo il video e il testo.

Cristo tra le macerie

Una liturgia di lamento

“Siamo arrabbiati…

Siamo spezzati…

Questo avrebbe dovuto essere un tempo di gioia; invece, stiamo piangendo. Siamo impauriti.

20.000 uccisi. Migliaia ancora sotto le macerie. Vicino a 9.000 bambini uccisi nei modi più brutali. Giorno dopo giorno. 1,9 milioni di sfollati! Centinaia di migliaia di case distrutte. Gaza come la conosciamo non esiste più. Questa è un annientamento. Un genocidio.

Il mondo sta guardando; le chiese stanno guardando. I gazawi stanno inviando in diretta le immagini della propria esecuzione. Forse al mondo importa? Ma tutto continua…

Ci chiediamo, potrebbe essere questo il nostro destino a Betlemme? A Ramallah? A Jenin? È anche il nostro destino?

Siamo tormentati dal silenzio del mondo. I leader del cosiddetto “libero” si sono allineati uno dopo l’altro per dare il via libera a questo genocidio contro una popolazione prigioniera. Hanno fornito la copertura. Non solo si sono assicurati di pagare il conto in anticipo, hanno velato la verità e il contesto, fornendo la copertura politica. E, un altro strato è stato aggiunto: la copertura teologica con la Chiesa occidentale che entra sotto i riflettori.

La Chiesa sudafricana ci ha insegnato il concetto di “teologia di stato,” definita come “la giustificazione teologica dello status quo con il suo razzismo, capitalismo e totalitarismo.” Lo fa abusando di concetti teologici e testi biblici per i propri scopi politici.

Qui in Palestina, la Bibbia è utilizzata contro di noi. Il nostro stesso testo sacro. Nel nostro linguaggio in Palestina, parliamo dell’Impero. Qui affrontiamo la teologia dell’Impero. Un travestimento per la superiorità, la supremazia, “l’eletti,” e il diritto. A volte è data una bella copertura usando parole come missione ed evangelizzazione, compimento della profezia, e diffusione di libertà e libertà. La teologia dell’Impero diventa uno strumento potente per mascherare l’oppressione sotto il mantello della sanzione divina. Divide le persone in “noi” e “loro.” Disumanizza e demonizza. Parla di terra senza persone anche quando sanno che la terra ha persone – e non solo qualsiasi persone. Chiede di svuotare Gaza, proprio come chiamava la pulizia etnica nel 1948 “un miracolo divino.” Chiede a noi palestinesi di andare in Egitto, forse Giordania, o perché non proprio al mare?

“Signore, vuoi che comandiamo il fuoco a scendere dal cielo e consumarli?” hanno detto di noi. Questa è la teologia dell’Impero.

Questa guerra ci ha confermato che il mondo non ci vede come uguali. Forse è il colore della nostra pelle. Forse perché siamo dalla parte sbagliata dell’equazione politica. Persino la nostra parentela in Cristo non ci ha protetti. Come hanno detto, se si vuole uccidere 100 palestinesi per ottenere un singolo “militante di Hamas”, allora sia! Non siamo umani ai loro occhi. (Ma agli occhi di Dio… nessuno può dirci che non lo siamo!)

L’ipocrisia e il razzismo del mondo occidentale sono trasparenti e scandalosi! Prendono sempre le parole dei palestinesi con sospetto e qualificazione. No, non siamo trattati allo stesso modo. Eppure, l’altra parte, nonostante un chiaro curriculum di disinformazione, è quasi sempre considerata infallibile!

Ai nostri amici europei. Non voglio mai più sentirvi fare lezioni su diritti umani o diritto internazionale. Non siamo bianchi – secondo la tua logica non si applica a noi.

In questa guerra, molti cristiani nel mondo occidentale hanno fatto in modo che l’Impero abbia la teologia di cui ha bisogno. È autodifesa, ci è stato detto! (E io chiedo come?)

All’ombra dell’Impero, hanno trasformato il colonizzatore nella vittima, e il colonizzato nell’aggressore. Abbiamo dimenticato che lo stato è stato costruito sulle rovine delle città e dei villaggi di quei stessi gazawi?

Siamo indignati dalla complicità della chiesa. Che sia chiaro: il silenzio è complicità, e vuoti appelli alla pace senza un cessate il fuoco e fine all’occupazione, e le superficiali parole di empatia senza azione diretta — sono tutti sotto il banner della complicità. Quindi ecco il mio messaggio: Gaza oggi è diventata la bussola morale del mondo. Gaza era l’inferno in terra prima del 7 ottobre.

Se non sei sconvolto da ciò che sta accadendo; se non sei scosso nel profondo – c’è qualcosa che non va nella tua umanità. Se noi, come cristiani, non siamo indignati da questo genocidio, dallo sfruttamento della Bibbia per giustificarlo, c’è qualcosa che non va nella nostra testimonianza cristiana, e compromette la credibilità del Vangelo!

Se non chiami questo un genocidio. È su di te. È un peccato e un’oscurità che abbracci volontariamente.

Alcuni non hanno nemmeno chiamato per un cessate il fuoco…

Mi dispiace per te. Noi staremo bene. Nonostante l’enorme colpo che abbiamo subito, ci riprenderemo. Ci alzeremo e ci rialzeremo di nuovo dalle macerie, come abbiamo sempre fatto come palestinesi, anche se questo è di gran lunga il colpo più grande che abbiamo ricevuto in molto tempo.

Ma ancora, per quelli che sono complici, mi dispiace per voi. Vi riprenderete mai da questo?

La vostra carità, le vostre parole di shock DOPO il genocidio, non faranno differenza. Parole di rimorso non saranno sufficienti per voi. Non accetteremo le vostre scuse dopo il genocidio. Quello che è stato fatto, è stato fatto. Voglio che tu guardi allo specchio… e chiedi: dove ero io?

Ai nostri amici che sono qui con noi: Avete lasciato le vostre famiglie e chiese per stare con noi. Incarnate il termine accompagnamento – una solidarietà costosa. “Eravamo in prigione e ci avete visitato.” Che netto contrasto con il silenzio e la complicità degli altri. La vostra presenza qui è il significato di solidarietà. La vostra visita ha già lasciato un’impressione che non ci sarà mai tolta. Attraverso di voi, Dio ci ha parlato che “non siamo abbandonati.” Come Padre Rami della Chiesa Cattolica ha detto questa mattina, siete venuti a Betlemme, e come i Magi, avete portato doni, ma doni più preziosi di oro, incenso e mirra. Avete portato il dono dell’amore e della solidarietà.

Ne avevamo bisogno. Per questa stagione, forse più di qualsiasi altra cosa, eravamo turbati dal silenzio di Dio. In questi ultimi due mesi, i Salmi di lamento sono diventati un prezioso compagno. Abbiamo gridato: Mio Dio, Mio Dio, ci hai abbandonato Gaza? Perché nascondi il tuo volto da Gaza?

Nel nostro dolore, angoscia e lamento, abbiamo cercato Dio, e l’abbiamo trovato sotto le macerie a Gaza. Gesù è diventato la vittima della stessa violenza dell’Impero. È stato torturato. 

Crocifisso. Ha sanguinato mentre altri guardavano. È stato ucciso e ha gridato nel dolore – Mio Dio, dove sei?

A Gaza oggi, Dio è sotto le macerie.

E in questa stagione natalizia, mentre cerchiamo Gesù, è da trovare non dalla parte di Roma, ma dalla nostra parte del muro. In una grotta, con una famiglia semplice. Vulnerabile. A malapena, e miracolosamente sopravvivente a un massacro. Tra una famiglia di rifugiati. Questo è dove si trova Gesù.

Se Gesù dovesse nascere oggi, sarebbe nato sotto le macerie a Gaza.

Quando glorifichiamo l’orgoglio e la ricchezza, Gesù è sotto le macerie…

Quando ci affidiamo al potere, alla forza e alle armi, Gesù è sotto le macerie…

Quando giustifichiamo, razionalizziamo e teologizziamo il bombardamento dei bambini, Gesù è sotto le macerie…

Gesù è sotto le macerie. Questo è il suo presepe. È a casa con i marginalizzati, i sofferenti, gli oppressi e gli sfollati. Questo è il suo presepe.

Ho guardato, contemplando questa iconica immagine…. Dio con noi, proprio in questo modo. QUESTA è l’incarnazione. Disordinata. Insanguinata. Povera.

Questo bambino è la nostra speranza e ispirazione. Guardiamo e lo vediamo in ogni bambino ucciso e tirato fuori dalle macerie. Mentre il mondo continua a rifiutare i bambini di Gaza, Gesù dice: “come avete fatto ad uno dei miei fratelli e sorelle più piccoli, lo avete fatto a me.” “L’avete fatto a ME.” Gesù non solo li chiama suoi, ma è loro!

Guardiamo alla sacra famiglia e li vediamo in ogni famiglia sfollata e vagante, ora senza casa e disperata. Mentre il mondo discute il destino delle persone di Gaza come se fossero scatole indesiderate in un garage, Dio nel racconto del Natale condivide il loro destino; cammina con loro e li chiama suoi.

Questo presepe parla di resilienza – صمود. La resilienza di Gesù è nella sua mitezza; debolezza e vulnerabilità. La maestà dell’incarnazione sta nella sua solidarietà con i marginalizzati. Resilienza perché questo stesso bambino, si è alzato in mezzo al dolore, alla distruzione, all’oscurità e alla morte per sfidare gli Imperi; per parlare la verità al potere, e consegnare una vittoria eterna sulla morte e l’oscurità.

Questo è il Natale oggi in Palestina e questo è il messaggio natalizio. Non riguarda Babbo Natale, alberi, regali, luci… ecc. Mio Dio come abbiamo distorto il significato del Natale. Come abbiamo commercializzato il Natale. Ero negli USA il mese scorso, il primo lunedì dopo il Ringraziamento, e sono rimasto stupito dalla quantità di decorazioni e luci natalizie, tutte le merci commerciali. Non ho potuto fare a meno di pensare: ci mandano bombe, mentre celebrano il Natale nella loro terra. Cantano del principe della pace nella loro terra, mentre suonano il tamburo della guerra nella nostra terra.

Il Natale a Betlemme, luogo di nascita di Gesù, è questo presepe. Questo è il nostro messaggio al mondo oggi. È un messaggio evangelico, un vero e autentico messaggio natalizio, sul Dio che non è rimasto in silenzio, ma ha detto la sua parola, e la sua Parola è Gesù. Nato tra gli occupati e i marginalizzati. È in solidarietà con noi nel nostro dolore e nella nostra rottura.

Questo presepe è il nostro messaggio al mondo oggi – ed è semplicemente questo: questo genocidio deve fermarsi ORA. Ripetiamo al mondo: FERMATE questo Genocidio ORA.

Questo è il nostro appello. Questa è la nostra supplica. Questa è la nostra preghiera. Ascolta, o Dio.

Amen”.

Dona il tuo 5 x mille

 Il vostro 5 per Mille ci fa tanto comodo!

Se pensate di devolverlo a ULAIA, 97351890583 nel riquadro Enti del Terzo Settore


Questo si chiuderà in 40 secondi

Banner per il consenso ai cookie di Real Cookie Banner